L’armonizzazione dei registri nazionali di asma grave verso OMOP portata avanti nell’ambito del progetto SHARP (maggiori dettagli qui) ha iniziato a portare risultati. Utilizzando la “SHARP federated analysis platform” (SHARP FAP) è stato condotto un primo studio proof-of-principle che include dati provenienti da 10 registri nazionali, con l’obiettivo di caratterizzare i soggetti che assumono Mepolizumab, per valutare la sua efficacia sulle esacerbazioni annuali e sull’uso di corticosteriodi orali (OCS) di mantenimento e valutare i modelli di trattamento.
Sono stati esaminati 5871 pazienti che hanno avviato un trattamento con Mepolizumab tra il 1º gennaio 2016 e il 31 dicembre 2021. Oggetto dell’analisi sono state le variazioni in un periodo di 12 mesi (intervallo 11-18 mesi) di esacerbazioni frequenti (>= 2), nonché di uso e dose assunta di OCS.
In 912 pazienti che soddisfano i criteri di selezione, Mepolizumab sembra influenzare significativamente i parametri di interesse, riducendo le esacerbazioni, l’uso di OCS e la dose assunta.
Ciò dimostra l’efficacia reale di Mepolizumab per pazienti affetti da asma grave in tutta Europa, risultato coerente con evidenze precedenti.
Questo risultato apre la strada a futuri studi paneuropei sull’asma grave che utilizzino i dati patient-level e garantiscano il mantenimento della privacy dei soggetti coinvolti.

Un articolo che descrive questo studio è stato pubblicato su ERJ Open Research e può essere trovato al seguente link:

Kroes JA, Alfonso-Cristancho R, Bansal AT, et al. Valutazione dell’uso del mondo reale Mepolizumab nell’asma grave in tutta Europa: l’esperienza SHARP con l’analisi federata che preserva la privacy. ERJ Open Res 2023; 9: 00745-2022 [DOI: 10.1183/23120541.00745-2022].

Sono in corso ulteriori studi che saranno pubblicati su riviste specializzate.